LA SINDROME DEL PIRIFORME

Cos’è il muscolo piriforme, quali sono le cause e i rimedi possibili

 

La sindrome del piriforme è una patologia molto dolorosa causata dalla contrattura e dall’ipertrofia del muscolo piriforme, che comprime il nervo sciatico. Spesso questa patologia non viene sufficientemente presa in considerazione che la scambiano per una comune sciatalgia.

E’ una patologia più frequente nelle donne, con un rapporto di circa 6:1.

 

Il piriforme è un muscolo sottile di forma triangolare (a forma di pera, appunto), diviso in tre fasci, che origina dall’osso sacro a livello S2-S4 e si estende orizzontalmente al di sotto del piccolo gluteo per andare a inserirsi sul gran trocantere sul femore. E’ un muscolo che permette la rotazione esterna del femore con l’anca in posizione neutra.

 

Il sintomo principale è rappresentato da un dolore al centro del gluteo che si irradia nella regione posteriore della coscia fino al ginocchio. I movimenti evocativi del dolore sono le rotazioni, specie girandosi nel letto, e incrociare le gambe in posizione seduta. Il dolore spesso è evocato dalla posizione seduta prolungata o dopo alcuni minuti di camminata.

 

Le cause di questa patologia possono essere diverse:

  • un trauma diretto al gluteo

  • una postura scorretta

  • un errato appoggio del piede

  • una dismetria degli arti inferiori

  • un movimento violento

  • un intervento chirurgico che possa aver prodotto aderenze cicatriziali nell’area circostante

Tra i soggetti meno più a rischio ci sono i ballerini e i corridori, al contrario invece degli atleti in generale.

La diagnosi spetta allo specialista ortopedico o fisiatra, attraverso alcuni test che mettono in tensione il muscolo piriforme (extrarotazione e abduzione contro resistenza dell’anca) o tramite la palpazione diretta all’inserzione sul trocantere o meglio ancora sul ventre muscolare, al centro del gluteo.

È importante eseguire una diagnosi differenziale con una sciatalgia di origine lombare, nel quale caso la massoterapia non apporterà alcun beneficio.

Il trattamento è basato sull’assunzione di antinfiammatori o sulla fisioterapia. Nel primo caso l’assunzione può avvenire per via orale e per infiltrazione locale con cortisonici (meno praticata). L’utilizzo di ultrasuoni o Tecar, associata alla massoterapia sul muscolo, consente un notevole miglioramento dei sintomi. Un altro sistema valido è la manipolazione miofasciale, che risulta molto dolorosa per il paziente ma altrettanto efficace.

Tra i possibili rimedi naturali vi è la possibilità di massaggiare autonomamente il piriforme, utilizzando una pallina da tennis. Il paziente deve sdraiarsi su una superficie rigida e posizionare la pallina sotto il gluteo, eseguendo movimenti di scorrimento della pallina in tutte le direzioni. Questa pratica può risultare sul momento piuttosto dolorosa, ma si dimostra spesso valida.

Tra le cose da evitare, vanno segnalati sport quali la corsa e il ciclismo, in cui la pressione e le sollecitazioni fanno aumentare il dolore locale, e la posizione seduta con il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni!

Non è possibile stabilire con certezza i tempi di guarigione, a causa del gran numero di variabili in gioco. Stile di vita, attività fisica, concomitanti problemi alla colonna vertebrale possono far variare i tempi di guarigione da poche settimane a diversi mesi.

19 thoughts on “LA SINDROME DEL PIRIFORME”

  1. carissimo dottore sono un semplice massaggino olistico e penso di aver trovato come far guarire il muscolo piriforme in 6 .10 minuti x gluteo o controllato tutti i tipi di tecniche ma per me,non le o viste molto valide

  2. Caro dottore…soffro di sindrome del piriforme da molti anni (+10 anni)…ho provato di tutto…fisioterapie…tecar..manipolazione…sono stata da ortopedici…ma nulla..ho fatto radiografie al bacino..gambe..colonna vertebrale..non esce nulla…
    Ho un dolore acuto che necessita di antidolorifici…x 3-4giorni…passati questi…non avverto più nessun dolore…e poi dopo tempo circa un mese…mese e mezzo sono punto è da capo…nessuno è riuscito a darmi una soluzione anche non definita…grazie aspetto un suo consiglioo

  3. What’s up to every body, it’s my first pay
    a visit of this web site; this webpage consists of amazing and genuinely good stuff for readers.

  4. In quale centro posso rivolgermi per la sindrome del piriforme. Abito a Pianezza vicino Torino. Ho 71 anni. Ne soffro da tre mesi, in seguito agli sforzi fatti durante il trasloco.
    Grazie.

  5. Buongiorno Dottore. Sono da circa 2 anni che soffro di questa patologia. Ho fatto di tutto. Farmiaci di ogni genere. Infiltrazioni. Massaggi. Tecar,. Onde d urto. Nulla è servito. Potrebbe dirmi cosa dovrei fare, a questo punto? Grazie.

  6. Buonasera, mi choamo Alfonso Gambino di 60 anni, ho diagnosticato la sindrome del piriforme dal 2018 nonostante operato di protesi all’anca dx credendo o mi facevano credere che tutto andava via perchè causato dalla coxartrosi dolore che non nè sapevo distinguere dal muscolo piriforme con la coxartrosi il bruciore all’inquine è cessato invece è rimasto il dolore al piriforme. Ho provato di tutto, blocco anestetico, botulino,ginnastica posturale ma non mi lascià. Sono arrivato i pscofarmaci perchè ha cambiato il mio sistema di vita. Cosa mi consiglia???grazie.dimenticavo mi hanno prescritto o cannabinoidi con scarso risultato attualmente 40-60mg di targin

  7. Salve dottore, io ho dolori ai glutei da circa 2 mesi, da seduta di più, e mi da fastidio anche a camminare, cosa possa fare?? A che medico mi devo rivolgere?? Grazie anticipatamente ho 46 anni

  8. Buongiorno dottore,sono più di due anni che combatto con dolore e ho scoperto dopo vari esami solo da due fisiatra di avere sindrome del piriforme, i farmaci non funzionano anche trattamenti osteopatici poco, qualcosa mi ha dato sollievo infiltrazione del piriforme con cortisone,ozono fatta da anestesisra del dolore un anno fa ma adessoho dolore al pudendo pur facendo trattamento di rolfing sul piriforme, per ridurre il dolore allo sciatico e pudendo prendo lyrica 300 al di sotto cura da neurologo perché sono anche fibromialgica. Non so più cosa fare in certi momenti il dolore è insopportabile tranne che a letto e quando mi muovo. Vivo a Reggio Emilia

  9. Buongiorno dottore sono amato soffro terribilmente da dolori muscoli tendinei al bacino .
    Non riesco a stare seduto in macchina che su una sedia.
    La mia vita è diventata un inferno.
    Se mi da una mail sarei disposto a farmi visitare da lei
    Grazie
    Rino Amato

  10. Anche io nella stessa situazione da circa 4 anni, la mi vita è cambiata davvero, vivo nel dolore avendo effettuato in questo periodo di tempo tutte le varie terapie dell’ozono terapia, la manipolazione dell’osteopata, ginnastica posturale, fisioterapista a casa, 3 volte molecola di botox ed ultima mi è rimasta da fare fra qualche settimana la radio frequenza, speriamo bene, speriamo che stavolta vada bene.
    Sauti

  11. Buongiorno, a mia madre è stata diagnosticata la sindrome del piriforme. Dolori acuti e pulsanti che procurano dolori acuti costanti e continui. Non c’è sollievo nemmeno con flebo di toradol e muscoril contemporaneamente. È stata seguita una terapia a base di cortisone e niente. Visitata da fisiatri ed ortopedici. Dalla risonanza e dalla la lastra non è stato diagnosticato alcun problema. Ho bisogno urgentemente di un consulto per capire quale strada seguire per la guarigione. Andiamo in prontosocrso con una certa frequenza. I dolori sono insostenibili. È subentrato un problema latente : presenza di diverticoli che creano acuti crampi e dolori addominali.

  12. Buongiorno dottore,
    Purtroppo la mia situazione non è molto diversa dagli altri commenti che leggo.
    Il mio calvario è iniziato il 19 marzo, dopo aver iniziato un la mia prima seduta di coppettazione,( spero sia solo una coincidenza), dal quel giorno io non quasi più camminato, ho fatto di tutto, ho fatto risonanza e tutto ciò che è stato necessario per arrivare a oggi con un ultima diagnosi, sospetta sindrome da piriforme con borsite trocanterica arto sinistro. Come terapia ho fatto, Tecar, ultrasuoni, antidolorifici di ogni tipo e idem andiffiammatori, faccio terapia posturale, ghiaccio, caldo, creme, insomma niente, neanche con infiltrazione. Le chiedo che cosa devo fare, sto iniziando a pensare che mi dovrò rassegnare a vita? Grazie se mi risponderà.
    Simona

  13. Idem come Simona, dopo una caduta in mountainbaike, la lomboscialtalgia dx ha preso il sopravvento, quel lato ha preso una bella botta nel 2019, da allora nessuna terapia ha fatto effetto, ozono terapia, botox, ginnastica posturale,fisioterapia,Lorenz,tecar per ben due volte ultima radio frequenza a luglio 2021, cosa posso fare di più???forse rassegnazione…

  14. Buongiorno Alfonso, a differenza sua io non ho avuto, apparentemente, nessun trauma. Adesso inizio la fisioterapia, tens più ultrasuoni a contatto. Ma sono veramente poco fiduciosa, ed effettivamente sta prendendo sempre più spazio, la rassegnazione. Le auguro una prossima guarigione perché so quello che sta passando…..

  15. Le auguro Simona, che questa fisioterapia che sta iniziando fermi in gran parte il suo dolore, grazie per la guarigione….spero per la sua di guarigione

  16. Vorrei intraprendere la strada per la microchirurgia, non mi resta altro da fare, il dolore sempre alto,non si può vivere in questa maniera, qualcuno l’ha già provato??sapreste consigliarmi, in buon centro per l’intervento al piriforme??grazie, mio contatto 3458592862

  17. Avrei intenzione di operarmi dopo tutti i vari tentativi non andato a buon fine da 4 anni a questa parte, il problema consiste di trovare u buon centro. Gran parte di dottori lo sconsigliano, perchè?? Vorrei trovare un dottore e se avete dei suggerimenti sono lieto di accettarli,si rischia una volta, ma è meglio di vivere in questa maniera pieno di dolori.Saluti a tutti.

  18. Buongiorno Alfonso, purtroppo la fisioterapia, come mi aspettavo non da nessun riscontro, e adesso sto iniziando ad avere lo stesso problema
    nell’altra gamba. Anche io pensavo ad un intervento ma nessuno da risposte, siamo in balia delle onde. Come vede neanche il medico al quale
    ci siamo rivolti in questa chat da una minima risposta, evidentemente non siamo abbastanza interessanti, forse un intervento al piriforme, non e’
    abbastanza importante quanto un intervento di trapianto al femore? Ormai sono arrabbiata e le penso tutte. le auguro di trovare delle risposte.
    Comunque ho letto che un centro importante si trova a Ferrara, e questo muscolo non e’ piu’ di competenza ortopedica ma neurochirurgica.
    Tanti auguri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.